Sono molti i tornei importanti che si svolgono durante l’anno ed ogni mese ha le sue tappe che devono essere rispettate e che vedono i migliori giocatori del mondo sfidarsi negli incontri classici. Tra questi tornei ed eventi classici che ormai si possono incontrare in moltissime località mondiali, l’Aussie Million si è certamente ritagliato il suo spazio nel corso degli ultimi anni. Il più grande torneo che si disputa in Oceania è l’attrazione pulsante di questo continente ed il torneo High Roller con buy-in da 250.000A$ è certamente l’evento principe di questo incredibile insieme di tornei.

Nel gennaio 2011 l’evento aveva attratto i migliori giocatori del mondo, nomi come: Phil Ivey, Chris Ferguson, John Huanda, Annette Obrestad, Eugene Katchalov, Alexander Kostritsyn, Daniel Cates, Roland De Wolfe e anche Tom Dwan solo per citarne alcuni. Vi starete chiedendo chi aveva vinto in quell’occasione. Il dubbio non può essere più facile da svelare, l’immarcescibile Erik Seidel aveva ancora una volta sgominato tutta la concorrenza, battendo nell’heads up un grande Sam Trickett e in terza posizione David Beyamine. Per il primo classificato un premio di 2.5 milioni di dollari mentre secondo e terzo si sono aggiudicati 1.5 milioni e 1 milione ciascuno.

Quest’anno il torneo ci ha invece offerto un gradito ritorno. Da alcuni mesi Phil Ivey sembrava scomparso dai tornei live di poker quando a Novembre aveva fatto la sua ricomparsa all’APPT Macau. In quell’occassione non era andato a premi, ma si conservava il piatto forte proprio per l’Aussie Millions, cominciando prima con il dodicesimo posto per il Main Event da 100,000A$ e concludendo poi con la più grande vittoria della sua carriera vincendo il Super High Roller. Uno dei più grandi campioni di poker che il mondo abbia mai visto si è così portato a casa i 2,000,000A$ del primo posto sconfiggendo nell’heads-up Patrik Antonius e decretando il suo ritorno ufficiale ad un mondo che in realtà non ha mai abbandonato.

C’erano parecchi dubbi sul fatto che un’altra edizione di questo incredibile evento potesse aver luogo, ma sono stati tutti cancellati dalle molte conferme di iscrizione. Nomi come Tom Dwan, Gus Hansen, Daniel Negreanu hanno onorato il torneo e reso anche l’evento di quest’anno indimenticabile.

Lascia un Commento