Cerca
Cos’è l’AAMS?
Se siete residenti in Italia assicuratevi di giocare solo nelle sale da poker online autorizzate dai Monopoli di Stato, ovverosia l'AAMS. La legislazione italiana richiede infatti che per poter operare sul territorio italiano, casinò e poker room debbano avere i requisiti posti dall'autorità AAMS. Tra i requisiti richiesti per ottenere una licenza sono degni di nota quelli sui server. Essi possono risiedere all'estero purchè all'interno dell'Unione Europea e devono garantire un link remoto permanente con il sistema centralizzato dell'AAMS per la validazione delle scommesse, il monitoraggio della regolarità e a fini fiscali.

Giocate quindi solo su siti che mostrano il marchio AAMS, poiché questa è una garanzia per i giocatori, ma soprattutto giocate in modo responsabile. Ricordarevi l'importanza di fare pratica senza soldi per affinare la vostra tecnica e scoprire le migliori strategie.
Quasi 1000 persone già seguono TreasurePoker.
Seguici anche tu!

Archivi per la categoria ‘Poker Rooms’

Il video del trailer ufficiale del prossimo torneo di Unibet Open a Parigi è già visibile sul sito dedicato all’evento. Il filmato mostra immagini della Tour Eiffel, dell’Hotel Concorde La Fayette dove alloggeranno i partecipanti, e infine del Cercle Cadet, la sala dove si svolgerà il Main Event più atteso della stagione. Il trailer prosegue con immagini filmate durante gli ultimi tornei, mostrando i tavoli dove si sono combattuti lunghi tornei di Texas Hold’em No Limits e dove Filip Verboven, campione in carica dell’Unibet Open 2012, ha sbaragliato gli avversari aggiudicandosi la vittoria al Main Event di Praga lo scorso febbraio.

Parigi è sicuramente la località ideale per un torneo di questa portata. L’eleganza e la raffinatezza che caratterizzano la capitale francese, insieme al fascino dei parchi in fiore, sono lo sfondo perfetto per il lussuoso programma di eventi organizzato da Unibet Open. Gli organizzatori, infatti, non si sono limitati al Main Event in Freeze Out, ma hanno scelto di aggiungere cash games, tornei secondari e la molto attesa finale di Unibet Open Blackjack. Tutto ciò condito da feste e cene galanti per i giocatori.

Fin dalla sua prima edizione nel 2007 a Varsavia, Unibet Open è stato famoso per il lusso dei suoi eventi e per l’interesse turistico delle località. Da allora, Unibet casino ha introdotto una serie di tornei satellite online che consentono ai giocatori di qualificarsi per i tornei live e vincere buoni del valore di €2500 per partecipare agli eventi successivi.

Leggi il resto di questo articolo »

Se vi state chiedendo se il Robbie Williams di cui stiamo parlando è lo stesso che 15 anni fa cantava sui palchi di tutto il mondo come membro dei Take That e che ha venduto ancora di più nel momento in cui ha cominciato a lavorare come solista, la risposta è sì.

È lo stesso Robbie Williams.

La super star inglese infatti che è da sempre nota per scelte particolari, anticonvenzionali non è nome nuovo nel mondo del poker e dei tavoli verdi.
Non ha infatti mai fatto mistero della sua passione per il poker sin dai tempi in cui viveva a Los Angeles dove pare abbia creato un “circolo del poker” a cui noti nomi dello show business, tra cui Tom Jones, hanno preso parte.

Leggi il resto di questo articolo »

Si sente ancora parlare di uno dei gruppi che sta facendo il lavoro migliore a livello di gioco online sia in Italia che in Europa, il nome è quello della cordata Bwin.party che una volta unite le loro forze si sono dimostrati una vera potenza a livello continentale. All’interno di Digital Entertainment troviamo infatti marchi come Party Poker e ovviamente GDPoker e in queste ore l’annuncio della vendita del poderoso network Ongame, che sembra essere sempre più vicina. Infatti sono stati proprio i livelli più alti della società a definire l’anno 2012 come chiave in questo senso.

Non resta che attendere alcuni mesi per vedere il risultato, la vendita ha ovviamente attirato moltissime compagnie, pensate che nell’ormai lontano 2006, Bwin pagò addirittura 475 milioni di euro che vennero versati direttamente a Patrik Selin, niente di meno che il fondatore del network. Si pensa in ogni caso che il prezzo al quale varrà venduto sarà minore di quello di acquisto, si parla infatti di un massimo di 30 milioni ed è incredibile considerando che tutti i clienti dello stesso network verranno immediatamente trasferiti sul famoso PartyPoker. La cessione quindi riguarderà semplicemente l’infrastruttura tecnologica in sostanza e non quello che ha il maggiore valore che è il database in sé.

Leggi il resto di questo articolo »